Accedi al sito
Serve aiuto?

Lettera a Federica

C’è sempre un’ ultima partita……

Prima o poi nella vita per ognuno di noi, consapevolmente o inconsapevolmente arriva sempre il giorno dell’ultima partita.

Che sia dato meglio saperlo o no lascia adito ad interpretazioni varie e soggettive, io credo sia meglio saperlo, se non altro per congedarsi degnamente, come ognuno di noi merita, dopo aver dedicato una vita a colpire quella pallina fluttuante nell’aria, nella speranza di poterla sempre rimandare dall’altra parte.

 


Ad altri non è dato questo privilegio, giocano la loro ultima partita senza saperlo….

Per una delle grandi campionesse del nostro sport non è cosi’……lei sà benissimo quando sarà la sua ultima partita…e questa data non è lontana….. e lei da persona ed atleta fantastica quale è stata, ed è, si congederà con gli onori che merita….

Cara Federica a te và questo mio tributo, con la speranza che l’intervento che stai per affrontare, se da una parte ti toglierà tanto…come spesso accade nella vita, ti aprirà un nuovo mondo, fatto di altre cose e sensazioni e spero soprattutto meno dolori con una qualità della vita migliore….

Tu sei e sarai sempre un esempio e un punto di riferimento per il nostro sport, sia nel paraolimpico, ma soprattutto per noi fortunati che dalle persone come te abbiamo da imparare tanto….abbiamo da imprecare meno contro qualche retina o piuttosto…uno spigolo….o un sorteggio “iellato” al torneo a cui tenevamo tanto….perché quella che ai nostri occhi appare sfortuna non è nulla a confronto di quello che il destino sin da bambina a riservato a te…… ma tu lottando e soffrendo, hai fatto di una grande sfortuna una grande opportunità, che ti ha portato in giro per il mondo, dove hai rappresentato il nostro paese ed hai anche raggiunto traguardi prestigiosi come il recente open vinto in Belgio o la meravigliosa medaglia d’argento olimpica di Pechino a squadre…….

Tu sei grandissima come nessun aggettivo ti può definire…sei la pura essenza dello sport e dell’amore…..resta forte e splendente come sempre…affronta questa nuova vita con la grinta di leonessa che ti ha sempre contraddistinta…perché tu …tu sei “NATA LIBERA”…. Proprio come il celebre telefilm che da piccolo adoravo….quello che narra la storia di una leonessa salvata, allevata prima in cattività…ma poi liberata perché….Nata per essere libera….e tu sei cosi’…. Hai sempre camminato e giocato con la tua carrozzina..ma il tuo animo è meravigliosamente libero e sempre lo sarà, in fondo in fondo c’e’ sempre una partita da giocare, senza pallina…senza telai…senza gomme e tattiche particolari….lì occorre solo il cuore e tanto coraggio….quello che a te non manca e non dovrà mancare mai!!


NON MOLLARE MAI.

A FEDERICA CUDIA

EL MATA.